Salvatore Stranieri

Salvatore Stranieri

È nato a Girifalco dove vive e risiede in Via Pirandello, 34.

Fece studi classici, frequentò il Liceo-Ginnasio “P. Galluppi” di Catanzaro dal quale si ritirò al secondo anno del  Liceo per conseguire in seguito l’Abilitazione Magistrale. Per oltre quaranta anni insegnò nelle Scuole Elementari di Girifalco, convinto di aver dato sempre il meglio di sé, ma non presumendo di essere stato sempre all’altezza del compito

“Homo sum: humani nihil a me alienum puto”

Fu impegnato in attività politico-amministrative e sindacali. Nel 1949 aderì al PSI (Partito Socialista Italiano) militandovi attivamente sino allo scioglimento del Partito, salvo la militanza nel PSIUP (Partito Socialista d’Unità Proletaria) sorto in seguito all’uscita dal PSI della componente di sinistra perché in forte contrasto con la componente di maggioranza che aveva scelto la linea  politica del centrosinistra. In rappresentanza del partito di appartenenza ricoprì cariche amministrative elettive di primo e secondo grado, consigliere comunale (1960-64), consigliere e assessore comunale (1978-83), assessore alla Comunità Montana “Fossa del Lupo” (1993-98). Fece parte della prima assemblea costitutiva dell’U.S.L. 18 e fu candidato per la lista del PSIUP al Consiglio Prov.le di Catanzaro (1964) e alla elezione del primo Consiglio Regionale della Calabria (1972).

Al VI Congresso Nazionale dello S.N.A.S.E. (Sindacato Nazionale Scuola Elementare) fu eletto al Collegio Nazionale dei Sindaci.

Al suo nome è legata una importante iniziativa che al tempo ebbe larga eco. Nel 1983 promosse rapporti di amicizia, sanciti con lo scambio di delegazioni, con Montpellier, la città natale del nostro Santo Patrono, San Rocco, e la conseguente fondazione (1986) dell’ Associazione Culturale “Girifalco Montpellier“.

Ha avuto ed ha l’hobby della pubblicistica. Sue corrispondenze e servizi in fasi successive sono apparsi su quotidiani locali e regionali, “Il Giornale di Calabria” diretto da P. Ardenti, “OggiSud“, “Comunità Nuova“, “Comunità Bruzia“, “La Sila” e “Il Nuovo Corriere della Sila“.

Ultima, in ordine di tempo, la collaborazione che ha avuto l’onore di dare a quell’evento editoriale rappresentato dalla pubblicazione della Rivista “PagineBianche” che gli ha fatto vivere una stagione bellissima ed esaltante.

Nonostante porti il peso di tante primavere non desiste, si considera ancora sulla breccia e come può cerca di rendersi utile. Va ascritto a lui se a livello locale e regionale si è presa coscienza della problematica inerente alla dismissione dell’amianto.